Servizio Civile Universale 2020 | Online le graduatorie provvisorie

Fatte salve le verifiche di competenza del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, sono online le graduatorie per i progetti “LiberAzioni” per Cooperativa sociale Insieme e “ABCD…Abbi cura di me” per Cooperativa sociale Tangram.

> Graduatoria “ABCD… Abbi Cura Di Me”
> Graduatoria “LiberAzioni”

Comunicato | Invito all’Ente Pubblico

INVITO ALL’ENTE PUBBLICO, NEL COMPLESSO COMPITO DI GOVERNARE UN TERRITORIO

Le Cooperative Sociali Insieme e Tangram credono in una comunità dove tutti, anche le persone più vulnerabili e fragili, accettano e partecipano alla sfida al rialzo di costruire una società più giusta, equa e sostenibile.

Il fardello di chi ha sulle spalle la responsabilità di un territorio è pesante e difficile, non può essere delegato e neppure tenere conto solo di tecnicismi o efficientismi. Richiede invece una visione olistica e lungimirante della società, dove sono fondamentali le relazioni e le cooperazioni, alla ricerca del giusto equilibrio tra il nostro stare al mondo e il mondo. È necessario essere uniti per facilitare la transizione sociale, ambientale ed economica stringendo, a tal fine, rinnovate alleanze tra ente pubblico, terzo settore, imprese, cittadini, fondazioni e banche.

Invece, proprio mentre si diffondono i concetti di sostenibilità ambientale e sociale e di un’economia che si piega in questa direzione, nella nostra provincia assistiamo ad un processo inverso. Sempre più deleghe in bianco dei decisori politici ad organi tecnici e a fornitori, in apnea tra costi e ricavi, con il prevalente obiettivo di non aumentare la pressione sui cittadini, cercando soluzioni miopi di mero risparmio, troppo spesso a discapito della qualità e della tutela di tutti. In questo meccanismo, le nostre imprese sociali vengono schiacciate e corrono il rischio di diventare fornitori low cost di manodopera, quando invece dovrebbero e vorrebbero contribuire, secondo il principio di sussidiarietà, alla cura del bene comune insieme all’ente pubblico.

La vera questione non è solo gestire e amministrare la città, ma valorizzare le risorse esistenti proponendo con coraggio alla cittadinanza le nuove sfide. Sentiamo il bisogno di rendere pubblica la nostra preoccupazione per il processo di delega in corso: al Terzo Settore e ai singoli cittadini i valori come la solidarietà, al Mercato la stipula dei contratti, allo Stato la cura dei danni.

Rivolgiamo dunque un invito alle Amministrazioni perché tengano conto (prima di rendere conto) delle opportunità e degli strumenti esistenti offerti dal Terzo Settore, a cui ad esempio sempre più imprese profit attingono, ambendo a lavorare insieme per il bene comune. Siamo certi che, questo sì, sarebbe un “buon affare”!

Cooperativa sociale Insieme | Dal 1979 trasformiamo lo scarto in risorsa
Cooperativa sociale Tangram | Dal 1979 promuoviamo diritti e benessere sociale

RASSEGNA STAMPA:

>> articolo ne La Voce dei Berici | 22 febbraio 2021

I centri estivi sono finiti. Al 2021!

Chiusura centri estivi 

I centri estivi di Tangram si sono conclusi il 7 agosto.

Arrivederci alla prossima estate!

Ci sto? A-f-fare fatica! | Missione compiuta!

Si è concluso questa mattina nel comune di Vicenza il Ci sto affare fatica per l’anno 2020.   

E’ d’obbligo un ringraziamento a quanti hanno contribuito alla buona realizzazione del progetto e agli 11 commercianti della città che in quest’anno così particolare hanno aderito a questo progetto di cittadinanza attiva, che ha coinvolto circa 70 adolescenti.

Abbiamo piacere a condividervi in allegato qualche articolo e le foto della conferenza stampa che si è tenuta durante la prima settimana di lavoro al parco Fornaci.

>> https://www.vicenzatoday.it/attualita/progetto-giovani-riqualificazione-territorio-vicenza-luglio-2020.html  

Confidiamo nel rinnovo della collaborazione anche per la prossima edizione,  Buon agosto e ancora grazie!  

Ci sto? A-f-fare fatica! | Edizione 2020

“Ci sto? Affare fatica!”, oltre 60 giovani restituiscono bellezza al nostro territorio e riqualificano gli spazi della socialità

Tangram Cooperativa Sociale e Comune di Vicenza uniti nel progetto che coinvolge anche altre realtà del Terzo Settore e negozi privati per promuovere la cura dei beni comuni

“La fatica non è mai sprecata: soffri ma sogni” diceva il velocista Pietro Mennea. E non saranno certo sprecati fatica e sogni delle ragazze e dei ragazzi di “Ci sto? Affare fatica!”. Sono attesi oltre 60 ragazzi a partecipare a questa grande azione collettiva di cura dei beni comuni, di cittadinanza attiva per il proprio territorio. Il progetto arriva dopo mesi di scuola a distanza e di lockdown: sarà l’occasione per coinvolgere le giovani generazioni nella riqualificazione degli spazi (parchi, piazze, sentieri) del benessere e della socialità per le nostre comunità locali, pronte a ospitarli e affiancarli nel loro impegno.

 “Ci sto? Affare fatica! 2020” è promosso dal Comune di Vicenza, e può contare sul coordinamento nell’area di Vicenza di Cooperativa Tangram e sul sostegno dell’Impresa Sociale Con i Bambini.

Inaugurato nel 2016 dal Comune di Bassano del Grappa, il progetto ha riscosso ogni anno un successo sempre maggiore, arrivando a più di 2000 partecipanti dell’edizione 2019, con un totale di 239 squadre di giovani impegnate nella cura e nella manutenzione dei beni comuni. Oggi, con cooperativa Adelante nel comprensorio di Bassano del Grappa, sono coinvolti anche i territori dell’alto vicentino con coop. Radicà (Breganze, Sarcedo e Lugo), di Vicenza con coop. Tangram, del veronese con Energie Sociali, Aretè e L’Albero (Verona, San Giovanni Lupatoto, Villafranca, Castel D’Azzano, Buttapietra, Legnago e Cerea), dell’alta padovana con La Carovana (Camposampiero, Carmignano di Brenta, Galliera Veneta, Limena, Piazzola sul Brenta, San Giorgio in Bosco, San Pietro in Gù e Tombolo), della marca trevigiana occidentale con Kirikù (Loria, Riese, Vedelago), del Comune di Monselice e dell’anconitano con CSV Marche (Senigallia, Corinaldo, Ostra Vetere e Trecastelli).

La partecipazione è rivolta a tutti quei giovani dai 14 ai 19 anni che durante l’estate vorranno prendersi cura della propria città, sperimentando capacità personali e acquisendo nuove competenze.

I giovani partecipanti saranno coinvolti – dal 13 luglio al 7 agosto 2020, dalle 8.30 alle 12.30, dal lunedì al venerdì – in svariate attività settimanali di cura del bene comune: manutenzione dei parchi gioco, impregnatura e tinteggiatura di panchine, staccionate, pittura di spazi comunali, e tanto altro. Una movimentazione a tutti i livelli che riempirà di entusiasmo e significato l’estate dei ragazzi, raggruppati in squadre miste di 10 e guidati da un giovane tutor e da un handyman, un volontario adulto con competenze tecniche e artigianali. Le attività saranno ospitate dai Comuni sopraelencati, dai quartieri, dalle scuole e dal mondo associativo e del terzo settore in genere. A ciascun/a giovane partecipante saranno consegnati dei “buoni fatica” settimanali da spendere in abbigliamento, spese alimentari, libri, cartoleria, tempo libero, in collaborazione con numerosi negozi locali che hanno aderito al progetto.

Le attività delle squadre saranno realizzate in ottemperanza alle “linee di indirizzo per la riapertura dei servizi per l’infanzia e adolescenza 0-17 anni” elaborate dalla Direzione Prevenzione della Regione Veneto: i partecipanti saranno informati e formati per poter rispettare tutte le norme igienico-sanitarie previstein questo periodo eccezionale (corretto utilizzo delle mascherine, distanziamento fisico, igienizzazione di mani, sanificazione di oggetti e spazi…).

>> info e dettagli: https://www.cistoaffarefatica.it/

Un aperitivo con TerreFerme | 18 aprile, 9 maggio, 23 maggio 2020

Parte DOMANI la proposta per saperne di più sul progetto Terreferme e sull’affido di minorenni migranti soli.

Tre date a disposizione… incontri ONLINE di sabato mattina, il 18 aprile, il 9 maggio o il 23 maggio dalle 10.30 alle 12.00, aperti a tutti, ma soprattutto alle famiglie e cittadini interessati a saperne di più sul progetto Terreferme e sull’affido di minorenni migranti soli.

Durante gli incontri di presentazione sarà possibile conoscere le caratteristiche del progetto e attivare un confronto con gli operatori e le famiglie che stanno vivendo l’esperienza dell’affido, attraverso racconti, testimonianze, video.

Gli incontri si realizzeranno mediante apposita piattaforma online.

L’iscrizione dà l’accesso ad uno degli incontri nelle date previste, clicca al seguente link:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdz6HF2PSFxUDYZY7Ji05r7Xkzf6soph5544NVLZMRQP3L4ZQ/viewform

Nelle immagini che seguono, i dettagli per la partecipazione.
Altre informazioni su http://www.cnca.it

Come? | 18 dicembre, giornata internazionale dei migranti

Nel 2015 è iniziata un’avventura che ci ha portato a lavorare con persone provenienti da diverse parti del mondo, ad ampliare le nostre conoscenze, a portare nel Sociale un approccio interculturale.

COME? E’ il titolo del video che noi cooperative del Consorzio Prisma di Vicenza e provincia abbiamo voluto creare per dare visibilità all’importante lavoro sul fronte dell’accoglienza di richiedenti asilo svolto in questi anni. 

Scegliamo di pubblicarlo proprio nella giornata internazionale dedicata ai migranti ed in questo particolare periodo in cui accogliere è diventato complesso. Riteniamo sia nostro dovere valorizzare le esperienze positive, generatrici di processi di integrazione per le persone accolte ma anche di benessere per il nostro territorio.

Open Day, il Comunicato Stampa

13 novembre 2019
COMUNICATO STAMPA
Porte aperte in comunità “Contrà Fascina”

Anche Cooperativa Tangram aderisce all’iniziativa nazionale di “Open Day” delle comunità di accoglienza. Condividere storie per riscrivere una bella Storia di cooperazione sociale.  

Nel pomeriggio di sabato 16 novembre la comunità educativa per minori “Contrà Fascina” gestita dalla cooperativa Tangram aprirà le sue porte per incontrare i cittadini, le famiglie, i volontari, i giovani, le istituzioni e chiunque volesse condividere un altro momento di festa, a coronamento dei festeggiamenti dei quarant’anni della costituzione della comunità avvenuti questa estate.

Oggi per domani è il filo conduttore che ci anima in questo tempo” – spiega la presidente Barbara Balbi – determinati a rilanciare la sfida del cambiamento e dell’apertura alle relazioni in un periodo storico che sempre più spesso “scivola” in arroccamenti e chiusure. Far memoria quindi di un passato per imparare da esso, rileggere il presente e proiettarsi verso il futuro di una realtà di cooperazione sociale intrecciata sempre di più con un territorio e una città che diventano una Comunità Educante Allargata”.

L’Open Day risponde ad un forte bisogno della cooperativa Tangram di farsi conoscere e di conoscere, di “rompere i recinti” dell’individualismo e di ricom-porre quelle fratture che spesso si creano a causa del pregiudizio e del diffondersi di una cultura semplicistica e chiusa.

Sarà presente nel corso del pomeriggio anche l’Assessore alle Politiche Sociali Matteo Tosetto; da sempre infatti la cooperativa ha collaborato e co-progettato con l’Amministrazione Comunale, nella lettura dei bisogni del territorio e nella costruzione di risposte con progetti e servizi “a misura di persona”, orientati a una maggiore personalizzazione degli interventi. Istituzioni e cooperazione sociale sono dalla stessa parte: dalla parte dei diritti dei bambini dei ragazzi e delle loro famiglie, dalla parte delle fragilità e dalla parte dei bisogni.

“Vi aspettiamo allora sabato 16 novembre 2019 dalle 14 alle 17 presso la Comunità Contrà Fascina in strada di Bertesina 355 per rispondere alle vostre domande, scoprire come viviamo, visitare la comunità, condividere un momento conviviale… per conoscerci meglio e crescere insieme”.

Per info: Presidente coop. Tangram Barbara Balbi – 3297320337

Progetto “Ci sto? Affare fatica!”, quasi 100 ragazzi impegnati nella cura della città

Le fatiche del “Ci sto? A-f-fare fatica!” sono arrivate quasi al termine!

Quanta soddisfazione, soprattutto da parte dei ragazzi che si sono sentiti veri protagonisti nella cura dei beni comuni della nostra città.

“L’esperienza è stata positiva perchè i ragazzi hanno dimostrato impegno e alcuni di loro hanno capito di avere abilità particolari da coltivare – ha spiegato la presidente della Cooperativa Tangram Barbara Balbi -. Inoltre la possibilità di svolgere lavori di manutenzione in luoghi pubblici favorisce l’incontro con i cittadini, alcuni dei quali si sono complimentati con i ragazzi. A fine settembre faremo una festa in cui coinvolgeremo anche le famiglie e consegneremo gli attestati per dare ancora più valore all’iniziativa”.

“Ci sto? Affare fatica!” recupera il prezioso contributo educativo e formativo dell’impegno, in particolare di quello manuale. Il progetto, in generale, intende stimolare minori e adolescenti a valorizzare al meglio il tempo estivo, un tempo critico, spesso vuoto di esperienze e perciò di significato – soprattutto per le generazioni di pre-adolescenti e adolescenti – attraverso attività concrete di volontariato, cittadinanza attiva e cura dei beni comuni, affiancati e accompagnati da educatori. I ragazzi in queste settimane hanno “fatto fatica” presso l’azienda agricola “Corte Bertesina”, la scuola materna “Piccoli”, l’Istituto San Gaetano, il progetto Jonathan, la Casa per la Pace e il parco dell’Astichello.

Fare fatica comunque è un “affare” in quanto a fronte dell’impegno profuso ai ragazzi è stato erogato un “buono fatica” che hanno potuto spendere presso i negozi della libreria Galla, della Coop Adriatica, dell’azienda agricola “Corte Bertesina” e del negozio Scout.

Quasi 100 ragazzi hanno aderito all’iniziativa e le famiglie hanno risposto con entusiasmo a questa opportunità sostenendo l’impegno e la frequenza.

>> vai al post del Comune di Vicenza

Social Day 2019 | 12 e 13 aprile a Vicenza

Social Day 2019, il 12 e 13 aprile oltre 600 studenti impegnati in attività di volontariato per raccogliere fondi da destinare a progetti di solidarietà e cooperazione allo sviluppo.

Nelle mattinate di venerdì 12 e sabato 13 aprile oltre 600 studenti degli istituti superiori Fogazzaro, Canova, Boscardin, Quadri, Rossi, Da Schio e Lioy saranno impegnati nell’ambito dell’iniziativa Social Day, promossa in città da undici anni dalle cooperative sociali Insieme e Tangram (all’interno del progetto Sulla Soglia) – coordinatrici per l’area di Vicenza – e dal Comitato Interistituto del Social Day (Board vicentino) composto da circa 15 studenti.

Da due anni il Social Day è anche sostenuto dal Consolato Americano a Milano che dà la possibilità di partecipazione agli studenti della Base Americana presenti a Vicenza.

Di questi 600 studenti partecipanti, una cinquantina saranno impegnati nelle seguenti attività del territorio: nella pulizia del parco Fornaci grazie alla disponibilità del Comune di Vicenza e in collaborazione con AIM Ambiente; nella Biblioteca del Comune di Sovizzo al fine di progettare ed organizzare una “caccia al tesoro letteraria”; nelle diverse mansioni proposte dalla Cooperativa Tangram e dalla Cooperativa Insieme.

Gli altri ragazzi svolgeranno, invece, le loro attività presso aziende private, realtà locali e singoli cittadini che si sono resi disponibili all’accoglienza degli studenti.

Il Social Day, edizione 2019, è stato presentato in conferenza stampa venerdì 5 aprile 2019 alle ore 12, nell’aula magna del liceo scientifico Quadri dal comitato Interistituto del Social Day (Board vicentino) accompagnati dalla referente dell’area giovani Barbara Balbi delle cooperative sociali Insieme e Tangram, dal consigliere delegato alle politiche giovanili del Comune di Vicenza, Marco Lunardi e dall’assessore del Comune di Sovizzo, Sara Ruffini. Saranno, inoltre, presenti alcuni referenti di Aim Ambiente che sta supportando l’evento a livello logistico e operativo con la messa a disposizione di strumentazione e personale dedicato soprattutto nella giornata del sabato 13 aprile.

Ci sarà inoltre un momento pubblico di presentazione, sabato 13 aprile alle ore 11, presso il Parco Fornaci, alla presenza di Marco Lunardi per il Comune di Vicenza, Sara Ruffini per il Comune di Sovizzo, Aim Ambiente e Barbara Balbi per Cooperativa Insieme e Tangram.

Il Social Day è un percorso formativo che coinvolge gli studenti aderenti di 7 istituti superiori della città che in quei giorni non frequenteranno le lezioni, ma si impegneranno, nelle mattinate previste, ad offrire le loro ore di lavoro per finanziare alcuni progetti di cooperazione allo sviluppo in Italia e all’estero scelti dai Board “Social Day” delle scuole aderenti:

  • progetto Kenya “Mutilazioni peerse a Tangulbei” di Buen Vivir;
  • progetto Camerun “Viva la libertà” di Women for freedom;
  • progetto Tanzania “MUMs project – Musiki Umeme Maji Safi” di MHZ Music High Zone;
  • progetto Italia – “Amunì”di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie.

Per info e contatti: areagiovani@progettosullasoglia.it